Gravità e stato d’animo

La forza di gravità.. Ti sei mai chiesto cosa sia? Sicuramente si. E  sicuramente conosci i suoi effetti fina dalle scuole elementari.

Ti sei mai chiesto cosa rappresenti per ognuno di noi? E cosa significhi per la nostra postura?

Tutti i giorni, tutto il giorno siamo sottoposti alla forza di gravità, abbiamo muscoli deputati e vincere questa forza, infatti la nostra muscolatura si divide in:

  • Muscoli fasici: responsabile del movimento volontario.
  • Muscoli tonici: responsabili della nostra postura, ossia la posizione che manteniamo nello spazio.

Come dicevamo ogni giorno una forza costante tende a schiacciarci al suolo, ed ogni giorno noi combattiamo contro di essa.

Questa lotta se ci pensi è lo specchio del nostro stato emotivo, infatti ti faccio un esempio, immagina di essere triste e sconsolato, come vedi la tua postura?

Probabilmente le tue spalle saranno curve, il tuo capo chino e tutto il corpo sembrerà soverchiato da un peso incredibile. Ce lo diciamo: “ ho avuto una giornata pesante”, “ ho un peso sulle spalle”…

Ora prova a pensare un giorno estremamente felice, quale sarà la tua posizione nello spazio?

In questo caso molto facilmente avrai una posizione eretta. Lo sguardo alto e sorridente e magari le braccia al cielo (immagina chi vince un torneo come si pone).

In questi anni ho imparato a valutare la nostra risposta alla forza di gravità come il termometro preciso e infallibile dello stato emotivo nel quale siamo.

La cosa però che mi ha stupito ed entusiasmato è la reciprocità:

POSTURA – STATO EMOTIVO

Se stai attraversando un periodo difficile ti invito a modificare la tua postura, assumi una postura eretta, uno sguardo fiero e sorridi, lo so che spesso è difficile se non addirittura sembrare impossibile ma può essere la prima e più efficace soluzione a momenti difficili.

Poni il tuo corpo in una posizione felice ed il tuo stato d’animo piano piano seguirà questa influenza.

Se ti senti giù fai questo esercizio; cammina per 20 minuti cercando di tenere la schiena più dritta possibile, il capo come se avessi un peso su di esso e volessi spingerlo il più possibile verso l’alto, muovi le braccia in sincronia con le gambe (Sincinesia pendolare- avanza il braccio opposto alla gamba), respira tranquillamente dal naso usando il diaframma.

Inizialmente il tuo corpo si ribellerà cercando di rimanere in linea con il tuo pensiero, ma se insisterai vedrai che alla fine la mente si piegherà a questo cambiamento e cambierà il tuo modo di vedere la situazione attuale.

E’ semplice, è sicuro ed è efficace.

Provaci!!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.